fbpx

Salone Internazionale del mobile 2019

Milano

LE EMOZIONI PIU’ FORTI SONO QUELLE INATTESE

Le collezioni Turri 2019 si fanno portavoce di una nuova identità più contemporanea, dando inizio a una strategia multiforme per cambiare identità nel profondo e avvicinarsi a uno stile sempre più moderno.

ZERO collection, disegnata da Andrea Bonini, una famiglia di complementi d’arredo che ben interpreta la nuova filosofia aziendale dichiaratamente più moderna. Zero è un progetto nato per esaltare la pulizia delle linee, la raffinatezza e l’equilibrio formale senza l’uso enfatico di elementi decorativi, ma con un occhio di riguardo alla scelta dei materiali e alla loro sapiente lavorazione artigianale, radici della realtà Turri.

VINE collection, imbottiti avvolgenti e strutture in legno sottili, come ramificate, tracciano il filo conduttore tra gli elementi della nuova collezione, disegnata dall’architetto Frank Jiang per Turri e che sarà presentata in occasione del Salone del Mobile 2019.

MILANO collection,  un nuovo percorso di stile tracciato dallo studio SBGA | Blengini Ghirardelli. Una collaborazione proficua e costruttiva, che ha dato vita a una nuova famiglia di elementi di arredo destinati ai diversi ambienti indoor offrendo così nuove possibilità espressive al catalogo dell’azienda.

EDGE desk. C’è chi nelle sue linee scopre un arcipelago, chi un paesaggio naturalmente disordinato, chi una rigorosa skyline metropolitana, o ancora un collage di geometrie o un foglio ripiegato, come un origami aperto. Turri, in Edge, la nuova scrivania disegnata da Daniel Libeskind e presentata al Salone del Mobile, in quelle linee vede certamente la concretizzazione di un cambiamento che dal 2019 sta coinvolgendo ogni aspetto dell’identità aziendale, avvicinandola sempre più a uno stile moderno e ancor più attuale.